top of page

Oinousses - Psara

Oinousses

Ηλιοβασίλεμα στα Ψαρά, Οινούσσες στη Χίο

L'unico insediamento esistente a Oinousses non ha perso il suo carattere tradizionale, modeste dimore costruite ad anfiteatro tra cui spicca la grande chiesa metropolitana.


La prima chiesa dell'isola fu Agios Georgios a Kastro, mentre la cattedrale di Agios Nikolaos fu costruita nel 1924 sul sito della vecchia chiesa. Dal novembre 2001 in questa chiesa sono conservate le sante reliquie di San Nicola giunte in Grecia dall'Italia (Vaticano).


I quartieri di Mantraki portano i nomi delle grandi famiglie dell'isola, che avevano nelle loro mani la gestione dei beni comuni attraverso il sistema della Demogerontia. Sul lungomare spiccano alcune antiche case dei capitani, restaurate qualche decennio fa. Prende il nome dalla Piazza del Marinaio, punto di riferimento storico per la gente del posto dove si trova anche la statua del Marinaio Invisibile. Nel porto si trovano anche tutti i servizi dell'isola (municipio, ufficio postale, Banca Nazionale, ambulatorio medico rurale).


Molti Oinoussiani espatriati ritornano in estate, quando la popolazione dell'isola più che triplica in due mesi. L'eleganza dell'insediamento è in gran parte dovuta all'amore di questi espatriati per il loro posto. Le donazioni hanno permesso e permettono il funzionamento di importanti istituzioni per l'istruzione, la cultura e la sanità che mitigano la drammatica riduzione della popolazione post-politica.


Tra i progetti più moderni c'è il rinnovato Museo Marittimo di Oinoussa, così come l'imponente stadio da 600 posti. Nel decennio venne fondato anche il Centro Spirituale di Oinoussa “G. X. Laimos”, che ebbe sede nella vecchia Scuola Elementare.

Un'attrazione significativa di Oinoussa è il Monastero dell'Annunciazione, a circa 5 chilometri a nord-ovest del porto. Nel sud troverete belle spiagge e luoghi verdi, anche se sull'isola non ci sono sorgenti. Più accessibili e frequentate sono le spiagge di Zepaga e Kastro. Bilali, Fasoli e la spiaggia sabbiosa di Apiganos si trovano su terrazzamenti di vigneti abbandonati. A nord si trovano Fokia e la spiaggia di Tselepi, mentre a nord dell'isola Hochlakas e Katsika sono spiagge accessibili più facilmente raggiungibili dal mare in barca. A est troviamo le spiagge di Ai Giannis, Aspalathrokampos, Marmaros, Fourkeros e Aliki, tutte spiagge tranquille con spiagge sabbiose e acque cristalline.



Psara


I ricchi reperti archeologici dimostrano che Psara era già abitata fin dalla prima età del bronzo (1600-1100 aC), grazie alla sua posizione strategica nel cuore dell'Egeo.


Dalla caduta di Costantinopoli al XVIII secolo, Psara ricevette molti coloni dall'Evia e dalla Tessaglia, nonché ripetute incursioni dei pirati. A quel tempo gli abitanti dell'isola si erano riuniti a Paleokastro.

Dalla metà del XVIII secolo l'isola conobbe una relativa prosperità soprattutto grazie alla costruzione di navi che contribuirono in modo decisivo all'esito della guerra del 1821. Quando scoppiò la Rivoluzione, Psara insieme a Hydra e Spetses erano un'importante forza navale. L'isola era allora all'apice della sua prosperità, contando circa 30.000 abitanti.


Il 21 giugno 1824 i turchi sterminarono la popolazione, distrussero case e saccheggiarono chiese. Dalla furia distruttrice dei turchi, sulla roccia piramidale di Psara rimase in piedi solo il tempio di Agios Nikolaos.

Quei residenti che riuscirono a partire si stabilirono a Chios, Mitilene, Monemvasia, Syros ed Eretria in Evia. L'isola fu liberata dalla flotta greca nell'ottobre 1912.

L'isola

Oggi i circa 450 abitanti sono concentrati in un insediamento di case basse che si estende ad anfiteatro attorno e sopra il porto, sulla cui collina svetta la chiesa azzurra di Agios Nikolaos. Negli anni '70 l'isola fu rivitalizzata nel quadro di un programma per le "zone aride della Grecia" e nel 1984 fu dichiarata Comune. Il turismo esiste sull'isola soprattutto in estate, sia dalla Grecia che dall'estero. A disposizione degli ospiti ci sono affittacamere e diverse taverne.


C'è un ufficio postale, un supermercato. dispensario rurale e sostegno bancario.

Cammina fino alla casa del leggendario piromane Konstantinos Kanaris (1793-1877), che divenne ammiraglio, ministro della navigazione e primo ministro della Grecia.

Kommentare


bottom of page