top of page

Chios Nord

Nella parte settentrionale dell'isola domina la massa montuosa del Pelinaios. Sulle sue pendici e sulle coste dell'isola troviamo immagini diverse da quelle del sud, con Kardamyla, Volissos, Pitios e tanti altri insediamenti e ottime spiagge che chiudono il paesaggio e conquistano il visitatore.


Vrontados

Una città moderna a 3,5 km a nord del paese, Vrontados è la patria di molti marinai. Si espanse notevolmente durante gli anni dell'occupazione turca e oggi dispone di un'eccellente infrastruttura turistica. La baia di Lo tra Chora e Vrontados è una delle più belle spiagge dell'isola e deve il suo nome all'armatore della zona, Kostas M. Lo. L'usanza della battaglia missilistica che si svolge ogni Pasqua è conosciuta anche in tutta la Grecia. I residenti, divisi in due gruppi, quello con sede nella parrocchia di Panagia Erythiani e l'altro ad Agios Markos, lanciano razzi nella notte della Resurrezione.

Il sito di Daskalopetra (Pietra di Omero), a nord di Vrontados, è associato al nome di Omero. In questo luogo, secondo la tradizione, insegnò Omero. In questa posizione c'è una roccia grande e piatta scolpita nella parte superiore. Intorno a lui si possono vedere sedili intagliati. Un po' più in alto, in un paesaggio tranquillo con vista su Vrontados e sull'Asia Minore, si trova il modesto monumento del <<padre del municipalismo>> e scrittore Yiannis Psycharis (1854-1929).

Più a nord, vicino alla costa, troverete il Monastero di Myrtidiotissa (o Myrsinidi), dedicato alla Vergine Maria. È stata fondata nel 1897 e festeggia il 24 settembre. Ha offerto molto durante gli anni dell'Occupazione e della Resistenza Nazionale. Tra le reliquie del monastero ci sono i paramenti del martire etnico Patriarca Gregorio V.

A nord-ovest di Vrontados verso l'entroterra si trova il Monumento ai Caduti del 15 novembre 1912, in posizione elevata con una vista meravigliosa. A circa due chilometri a ovest di Vrontados, si trova il Monastero di Agios Stefanos che fu fondato nel 1880 e celebra il 27 dicembre in memoria del primo martire Agios Stefanos.

La rotta verso Chios Nord vi porterà vicino alle baie della costa nordorientale. In molti di essi potrete fermarvi per una nuotata o per un caffè. Una buona opportunità è data dalla baia di Ai Giannis Tholos dal piccolo villaggio di pescatori di Pantoukios con taverne e diversi allevamenti ittici. Vicino ad essa ci sono due bellissime chiese, Agios Isidoros e Agios Stefanos sull'isola omonima nella sua baia.

Vicino all'insediamento di Pantoukios, verso l'interno dell'isola si trova Sykiada, mentre più avanti lungo la spiaggia troviamo Lagada, un grazioso villaggio di pescatori. Probabilmente fin dall'antichità era il porto più sicuro dell'isola e oggi è rifugio per numerose imbarcazioni. Da lì partono le barche per Oinousses, mentre ci sono diverse taverne e caffè.

Kardamila Kardamyla, uno degli insediamenti più antichi dell'isola, patria di marinai e armatori, è oggi una bellissima cittadina. Il villaggio fu fondato dagli abitanti delle zone circostanti che si radunarono in questa zona per sfuggire alle incursioni dei pirati.

Ano Kardamyla o Pano Chorio, con il suo tessuto denso e le strade strette, è l'insediamento più antico e presenta gli elementi di un villaggio fortificato. Arrivando alla piazza centrale, dedicata alla memoria di Costantino ed Eugenia Tsimpli, potrete godervi l'ombra dei platani e un drink nei caffè.

Sul lato nord della piazza domina la basilica di Agia Paraskevi che fu completata all'inizio del XX secolo con una seconda navata dedicata ad Agia Markella. Sull'architrave del tempio, un'iscrizione turca del 1754 ricorda l'autorizzazione dei lavori di manutenzione. Vale la pena fare una passeggiata nell'insediamento, che conserva la sua forma urbana originaria. Le sue caratteristiche sono le strade strette, coronate da archi in pietra e diverse case a due piani, costruite in pietra rossa con stretti balconi e cortili quasi impenetrabili.

Ad Ano Kardamyla vale la pena visitare anche le chiese di Agios Nikolaos, Agios Georgios e Ypapanti con il cortile di ciottoli. Inoltre, il Centro Spirituale che ospita una piccola collezione ecclesiale.

Kato Kardamyla o Marmaro è il porto dell'insediamento e deve il suo nome all'esistenza di cave di marmo bianco nella zona. È una città più nuova, è il punto più vivace di Kardamyla e ha una spiaggia per nuotare, molte possibilità di alloggio e taverne con pesce fresco. Visita della piazza con la chiesa di Agios Loukas costruita nel 1600 con una notevole iconostasi in legno e icone del XIX secolo. Il pavimento della piazza è pavimentato con le parti in pietra del vecchio campanile crollato prima del terremoto del 1949.

Passeggiando per le strette strade di Marmaros, scopriamo edifici neoclassici con bellissime porte scolpite e finestre ad arco uniformi, scopriamo anche le dimore degli armatori Kardamylite, con la loro architettura elaborata. A Marmaros potete visitare la mostra di cimeli marittimi che è ospitata al piano terra del Municipio.

Pitios

A sud-ovest di Kardamyla, la strada conduce al tradizionale e pittoresco villaggio di Pitios. Si è formato nel Medioevo dall'accorpamento di insediamenti sparsi e deve il suo nome al pino che un tempo abbondava nella zona. È costruito sul bordo di una scogliera e conserva il suo carattere medievale. Nel villaggio si conservano una torre medievale in pietra a due piani sopra le case e i ruderi di un muro. Interessanti sono anche la chiesa in pietra di Panagia Faneromeni, le chiese di Agios Georgios e la cappella post-bizantina di Agios Dimitrios accanto alla torre.


Le attrazioni del villaggio includono l'edificio della vecchia scuola elementare che oggi funge da ostello e il monumento agli sfollati Pityan. Una passeggiata tra i vicoli pittoreschi rivelerà molte bellezze, come le case in pietra che conservano le caratteristiche architettoniche tradizionali e le tante buche nelle sue stradine. Tra il villaggio e Kardamylos, a nord-ovest della strada, si trova il Castello di Gria, una fortezza medievale con due torri e un forte muro. Nel novembre del 1912 gli abitanti dell'isola si fortificarono nel castello e sulle alture circostanti per respingere l'attacco turco. A sud-ovest della strada si trova il sito di Koila, con un'altra torre in un'area fiorita nel Medioevo.

Volissos

Kefalochori e centro del distretto municipale di Amani, che domina con il suo castello la pianura più grande e ricca del nord dell'isola. Costruito sui pendii delle colline, maestoso e affascinante con case in pietra e numerose chiese, vicoli e scalinate, è l'insediamento più interessante e l'esempio più rappresentativo di architettura di Chios settentrionale. Caratteristico delle vecchie case è il tetto con la leggera pendenza che ricorda le stanze di altri insediamenti tradizionali dell'Egeo.

La città esiste fin dall'antichità. Fu abitata da famiglie aristocratiche di Bisanzio e sembra che conobbe grande prosperità durante il Medioevo. È la patria speciale di Agia Matrona e Agia Markella, che sono molto onorate dalla gente di Chios.


Nel quartiere di Pyrgos troverete l'imponente chiesa di Agios Nikolaos, con un'architettura elaborata e muratura di pietre scolpite, così come l'imponente chiesa di Agios Georgios, con la sua magnifica iconostasi in legno intagliato, e di Panagia, con i suoi quattro- campanile di storia e meraviglioso cortile acciottolato. Di particolare interesse a Volissos sono la scuola e la Collezione Archeologica ospitate in un edificio restaurato.

Sei chilometri a ovest di Volissos, sulla spiaggia si trova il famoso monastero di Agia Markella, che intorno al 1500 incontrò una tragica morte per mano di suo padre. La spiaggia è una delle più belle dell'isola. Folle di pellegrini affluiscono durante la festa del santo, il 22 luglio.





Comentarios


bottom of page