top of page

Chios centrale


Dal paese di Chios, dirigendoci verso ovest vediamo un'altra immagine dell'isola. Incontriamo il Santo Partenone di Panagia Voithias, un monastero femminile fondato nel 1930. L'icona della Panagia è considerata miracolosa, mentre il catholicon e la banca sono stati dipinti dal famoso iconografo G. Panagiotakis. Ospita diverse suore, che si dedicano all'iconografia, alla tessitura, al ricamo e al piccolo artigianato.

Successivamente incontriamo Karyes, un bellissimo villaggio costruito ad anfiteatro in una zona ricca di vegetazione alla periferia occidentale di Chora. Ancora più in alto, sul monte Penthodos, si trova l'eremo di Agios Markos, fondato nel 1886 dall'asceta Parthenios, sul sito di una chiesa preesistente dal 1700, ma in rovina, dell'evangelista Markos. L'agiografia fu sviluppata soprattutto nel monastero. Vicino ad esso si trova l'inattivo Monastero di Kournas. Fu fondata dai cattolici romani di Chios durante l'impero genovese ed è dedicata alla sorgente vivificante. Durante l'occupazione turca fu ceduto agli ortodossi e fu annesso come sede al Monastero Nuovo.

Nea Moni

Nea Moni è senza dubbio il monumento più importante dell'isola e una delle principali espressioni della cultura bizantina in Grecia. Si trova a 13 km da Chora, ai piedi del monte Provatas. La storia della fondazione del monastero è dedotta dalle crisobule imperiali, da antichi manoscritti e da tradizioni. Nello stesso luogo esisteva un monastero detto Palaia Moni dedicato alla Vergine Maria. Fu costruito dove fu ritrovata la sua icona, che è conservata fino ad oggi. Secondo la tradizione, durante il periodo in cui il futuro imperatore Costantino il Grande era in esilio a Lesbo, udì da tre monaci dell'Antico Monastero una profezia sulla sua imminente ascesa al trono. È quindi possibile che Nea Moni fosse la realizzazione della sua promessa di fondare un grande monastero nel caso in cui la profezia si fosse avverata.

Intorno al 1042, infatti, ebbe inizio la costruzione del nuovo catholicon, che come donazione imperiale fu opera di suprema arte e di straordinario ingegno.

Nei secoli successivi il monastero subì distruzioni, saccheggi e persecuzioni. Ma il massacro del 1822 fu senza dubbio la prova più grande. I turchi, dopo aver massacrato monache e monaci e saccheggiato i preziosi utensili, completarono le atrocità incendiando il monastero. Una parte importante dei mosaici venne distrutta, privando il tempio del suo famoso splendore fino ad allora. Subì un'altra incursione nel 1828, mentre nel 1881 il potente terremoto ne completò la distruzione. Negli ultimi anni sono stati fatti alcuni lavori di restauro e la situazione è migliorata. Si festeggia il 23 agosto ed è visitato da molti credenti per adorare l'icona storica e miracolosa di Panagia Neamonitissa.

Dopo Nea Moni, a sud della strada per Avgonima, si trova l'eremo dei Santi Padri. Fu costruito attorno alla grotta dove vissero come monaci i tre fondatori di Nea Moni e gradualmente, soprattutto dopo il 1868, la zona si trasformò nel più grande centro monastico dell'isola. Il complesso complesso edilizio del monastero dispone di spaziose pensioni. Dall'altopiano davanti alla chiesa del monastero la vista verso il mare e la costa dell'Asia Minore è impressionante.

Avgonima

Avgonima è un piccolo villaggio di montagna isolato a 15 km a nord-ovest di Chora. Lontano dalle zone ricche del sud, l'insediamento è un eloquente esempio di architettura medievale con le sue strade strette che formano un solido tessuto urbano attorno alla piazza. Le case in pietra sono ad un piano o a due piani e l'accesso al primo piano avviene tramite una scala esterna in pietra. Da notare le caratteristiche finestre con il pinnacolo ad arco bicolore.

Avgonima

Dopo Avgonima, 4 km a nord, si raggiunge l'insediamento più isolato dell'isola, Anavatos. Avvicinandosi, questo luogo disabitato si rivela improvvisamente scolpito nella nuda roccia. Alle radici dell'abitato, dove si trovano le poche case residenziali, potrete rinfrescarvi nella fontana prima di salire al <<castello>>. Anavatos fu l'ultimo centro della resistenza negli avvenimenti del 1822. Secondo le testimonianze, fu catturata a tradimento e molti assedianti preferirono cadere sulla terribile rupe per evitare di essere catturati. Negli anni successivi fu nuovamente abitato, ma dopo il terremoto del 1881 fu completamente abbandonato. Oggi l'insediamento è protetto come luogo di storia e di particolare bellezza e alcuni edifici sono stati abitati.

Nel quartiere basso fuori dal castello le case sono in condizioni migliori. Sono tutti a due piani, a volta con piccole aperture ad arco. All'interno del castello vi sono molti ruderi e la chiesa di Taxiarches con i due tetti. Dalla cima del castello, la vista della minacciosa rupe è impressionante.




Comments


bottom of page