top of page

Esplorando i villaggi del lentisco di Chios




La parte meridionale di Chios offre un'esperienza completamente diversa per il visitatore dell'isola.



Le basse colline, ricoperte dai famosi lentischi e dagli ulivi secolari, creano uno splendido paesaggio, accompagnato dal meraviglioso aroma della resina di lentisco. Borghi medievali, i famosi villaggi del lentisco con la speciale architettura fortificata e il caratteristico colore locale che ti incanteranno! Bellissime spiagge, importanti pellegrinaggi religiosi, monumenti antichi e medievali completano questo luogo unico di Chios in termini di bellezza e storia.



Armolia


Armolia è un villaggio di lentisco con una tradizione nella ceramica, come testimoniano le mostre all'aperto delle botteghe locali all'ingresso dell'insediamento. Passeggia per le loro strade ad arco e fermati per un rinfresco o un caffè sullo splendido altopiano con le sue bouganville e sedili in pietra. In questa meravigliosa piazza si trovano le chiese unite di Panagia e Agios Dimitrios con un'iconostasi in legno intagliato del 1744. Fuori dall'insediamento si trova il Monastero di Panagia tis Vretousaina, un grande centro spirituale della zona, che fu distrutto nel 1822 ma ristrutturato nel 1828 .



Pyrgi


Pyrgi è il più grande dei villaggi di Lentisco, a circa 7,5 km da Emporio. Circondato dai lentischi piantati ordinatamente sui terrazzamenti, si erge testimone di quasi mille anni di storia, poiché la prima menzione dell'insediamento risale al 1089.

Conservando l'originaria struttura labirintica dell'insediamento fortificato, Pyrgi vi affascinerà: percorrete le strette vie ad archi che conducono alla piazza e, se vi trovate lì in estate, vedrete appesi ai balconi i famosi pomodori.


Le facciate delle case ti impressioneranno: varie forme geometriche in bianco e nero si combinano, creando in ogni caso un aspetto diverso e dando vita alle stradine. La tecnica costruttiva si basa sulla raschiatura del rivestimento, per questo motivo queste prestazioni vengono dette graffiate.


Pyrgi conta almeno 50 chiese. Non perdetevi la chiesa bizantina dei Santi Apostoli, nella piazza centrale dell'insediamento, all'estremità di un portico coperto. Fu costruita nel XIII o XIV secolo, sul modello del catholicon dei Monastero Nuovo Gli affreschi ben conservati sono del 1665 e attribuiti al Cacciatore Domestico cretese. Poco più avanti, accanto ai Santi Apostoli, c'è la Dormizione della Vergine, con il volto coperto di graffi, ci sono anche il Taxiarchis, che risale al XVII secolo, e l'Ipapanti. Sempre nella zona di Pyrgio si trova il monastero di Agios Georgios, costruito nel XIX secolo e anch'esso decorato con i famosi gratta e vinci.


Molto vicino alla piazza centrale del paese si trova la torre genovese, da cui Pyrgi prende il nome. Anche se distrutta, la torre di Pyrgi rimane imponente: era a tre piani e non presentava aperture al piano terra. L'accesso avveniva tramite scale mobili. Ai quattro angoli del muro c'era una torretta circolare.


Emporios


A Emporio, a sud-ovest di Komi, si trovano due delle spiagge più belle dell'isola. Tuttavia, sii preparato a un possibile problema di traffico se li visiti nelle ore di punta. Emporios come porto naturale ha una storia antica. Sulla collina del profeta Ilia, a est dell'insediamento, gli scavi archeologici hanno rivelato parti di un insediamento preistorico, nonché un insediamento del VII e VIII secolo a.C. Sono stati inoltre individuati tratti dell'antica cinta muraria dell'acropoli e resti di un tempio, forse del VI secolo aC, probabilmente dedicato ad Atena. Inoltre, nel porto sono stati rinvenuti resti di stile ionico. Infine, nell'area compresa tra le case dell'insediamento è presente un battistero paleocristiano.


Dall'Emporio potete proseguire il vostro viaggio più a sud attraversando la pianura dei lentischi fino a Dotia dove vedrete l'antica torre quadrilatera genovese che vigilava sul prezioso raccolto. Nella zona sono state identificate tombe scolpite con reperti oggi conservati nel Museo Archeologico di Chios.


A Vroulidia, ancora più a sud, avrete una splendida vista sul mare aperto e troverete una bella spiaggia per nuotare.



Olimpo


A ovest di Pyrgi si trova il villaggio fortificato di Olympoi, più piccolo ma altrettanto imponente. Oltrepassa il pesante cancello di ferro e passeggia per le sue stradine. Sull'altopiano centrale dell'insediamento potrete rinfrescarvi nel bar, che fa parte della torre attualmente ristrutturata. La gente del posto parla di un affresco di Teofilo sul muro di una casa, ormai scomparso a causa dell'usura. Inoltre, nella piazza del paese si trova la chiesa di Agia Paraskevi con un'icona scolpita in legno del XVIII secolo, mentre l'edificio della vecchia scuola femminile è uno dei più belli dell'insediamento. Anche qui si festeggia Halloween in modo speciale, che fa rivivere l'usanza dell'Aga, proprio come a Mesta. Il 22 luglio, festa di Santa Markella, una folla di fedeli si riversa nella piccola chiesa, dove, secondo la tradizione, fu ritrovata la testa senza velo della santa portata via dalle onde. Sulla strada per Kato Fana, girando a destra verso Agia Dynami, vedrai la grotta di Sykia, che fu esplorata per la prima volta nel 1985 dalla Società Speleologica Ellenica. La grotta è profonda 57 metri. e particolarmente ricca di decorazioni di stalagmiti e stalattiti, è una delle grotte più belle ed interessanti della Grecia.




Mesta


Dopo l'Olimpo, proseguendo verso ovest, raggiungiamo Mesta, il meglio conservato di tutti gli insediamenti medievali di Chios. A Mesta vale la pena visitare l'insediamento e conoscere lo stile di vita dei suoi abitanti, potete anche soggiornare in una delle vecchie case restaurate. Passeggia per le sue labirintiche strade <coperte> e siediti nella piccola piazza con i suoi caffè e taverne. Da notare soprattutto il complesso sistema di difesa dell'insediamento. Visita alla chiesa del Palio Taxiarchis, la cui iconostasi fu realizzata nel 1833 e costituisce un raro esempio di intaglio locale del legno. Interessante è anche la chiesa di Megalo Taxiarchis nella piazza, una delle chiese più grandi dell'isola. A Mesta si svolgono molti eventi culturali e si rivivono antiche usanze. A seconda della stagione potrete assistere o addirittura partecipare al rito dell'Aga ad Halloween e di Fanos a Pasqua. La Festa dello Straniero Mestousis e la Festa dei Pescatori si svolgono dal 10 al 17 agosto, nel pieno della stagione turistica. Vale la pena provare i prodotti locali come il mastice, il vino mestushi, il suma e i kurmades. Da Mesta puoi anche visitare alcune delle spiagge più belle dell'isola come Trachilia, Salagona e Merikounda.



Vessa


Un po' più avanti, dopo un percorso meraviglioso, appare Vessa. Questo bellissimo villaggio di lentisco crea uno scenario incantevole tra le colline. A Vessa l'antico e il moderno convivono armoniosamente, mentre le attrazioni del villaggio includono le chiese di Agios Dimitrios e della Dormizione della Vergine.





Comments


bottom of page