top of page

Gola di Campione

Arrivati ​​a Kampia scendiamo verso la piazza del paese e pochi metri prima di essa seguiamo il vicolo in discesa a destra, che passa tra le case.


Informazione



Località: Chios Nord

Tipologia: Escursione in canyon - canalone.

Livello di difficoltà: Facile

Lunghezza percorso: 3.370 m.

Durata: 1 ora e 30 minuti

Acqua potabile lungo il percorso: No

Altitudine massima/minima: 330 m./0 m.

Dislivello: 330 m.

Punto di partenza consigliato: Kampia

Arrivati ​​a Kampia scendiamo verso la piazza del paese e pochi metri prima di essa seguiamo il vicolo in discesa a destra, che passa tra le case. Dopo l'ultima casa inizia il sentiero. Già all'inizio del sentiero vediamo allargarsi davanti a noi il verdeggiante canyon che il percorso attraversa e, seguendo il sentiero, scendiamo ascoltando il rumore dell'acqua che gli affluenti precipitano nel torrente. L'unico testimone dell'esistenza delle cascate è il nostro udito, poiché la fitta vegetazione impedisce ogni contatto visivo.


Il sentiero scende verso il fiume e presto ci ritroviamo a camminare paralleli al letto del fiume. A questo punto, attraverso la fitta vegetazione, possiamo scorgere un bel ponte ad arco per l'accesso alla piccola cascata che si forma. Il percorso parallelo al fiume dura parecchio, tra una fitta vegetazione di pini, platani, rose selvatiche. Arrivati ​​al secondo ponte lo attraversiamo e lasciamo il letto del fiume alla nostra destra. Da qui il sentiero sale, si allontana dal fiume e attraversa i terreni coltivati. La quota che guadagniamo ci permette però di avere una visione panoramica dei platani e di altri tipi di vegetazione acquatica che seguono il corso dell'acqua, nonché di godere dell'immagine creata dalle antistanti rocce meteoriche con i pini appollaiati su loro.


Il castello di Oria si erge sopra di noi, in cima ad una grande roccia verticale. Nel suo grembo c'è la piccola chiesa di Agia Paraskevi e oltre l'osservatorio degli uccelli. Proseguendo il cammino il sentiero riprende a scendere e in breve incontra nuovamente il fiume. In questo punto, dove dominano gli imponenti cipressi, si trova una piccola diga, dal bordo della quale inizia il canale irriguo in pietra che porta l'acqua ai frutteti.

Attraverso il ponte, situato poco più in basso, lo attraversiamo, avendo nuovamente l'alveo del fiume alla nostra sinistra. Camminiamo costeggiando il fiume con i sassi a secco dei frutteti alla nostra destra. Accanto ai nostri piedi, anche la roggia si dirige verso il mare, distribuendo acqua a tutti gli agrumi carichi di frutti lungo il percorso.


Cominciano ad apparire le prime case coloniche, così come la strada che è stata aperta dalla spiaggia e che conduce ad esse. Alla fine del percorso raggiungiamo il mare e la zona umida formata dall'estuario del fiume.




Il Castello di Oria: Si trova sulla cima di una roccia elevata, dove si trova la cappella di Agia Paraskevi e domina la verdeggiante gola di Kampia. È costruito su uno sperone roccioso di terreno ed è di dimensioni relativamente piccole. Si tratta di una tipica fortezza medievale, che sfrutta con grande maestria la fortificazione naturale della roccia. Sopravvivono prove delle sue fortificazioni esterne, ma non delle sue strutture interne. È probabile che esistesse un edificio centrale, la cui posizione fu successivamente occupata dalla chiesa di Agia Paraskevi. La sua datazione è collocabile negli anni bizantini.




Comments


bottom of page